Brasile – Brasilia: Sim-City 1956

Giro del Mondo: 45° Tappa – Brasilia

Scalo lungo nella capitale Brasiliana, progettata a tavolino negli anni ’50 e costruita nel nulla dell’entroterra brasiliano.

Brasilia - Le Nostre Tappe

Brasilia – Le Nostre Tappe (clicca sulla mappa per aprire la pagina interattiva)

Tutti i voli (o quasi) portano a Brasilia. Ne approfittiamo per fare scalo un paio di giorni nella capitale e cercare di comprenderne l’archiettura. La città è infatti sorta dal nulla, a causa dell’intenzione del governo Brasiliano di metà ‘800 di spostare la capitale da Rio de Janeiro ad un’area distante dalla costa e più vicina alla popolazione carioca.

Con l’APP Cabify mi faccio portare a casa di Maiza, una ragazza di Couchsurfing che mi ospiterà nel suo appartamento. Con lei e la sua amica Julia andiamo a cena in un centro commerciale di fianco al suo appartamento. Mi raccontano che il Brasile è nuovamente in crisi finanziaria e che trovare lavoro per i giovani non è semplice. Julia lavora in un ufficio legale e lavora ogni giorno 10 ore, ma non può fare altrimenti.

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Maiza è gentilissima e mi concede il suo letto, mentre lei si rifugia in sala su un materasso, attaccandosi a Netflix prima di andare a dormire. Colazione abbondante e passiamo a prendere anche Glaci (o come si scrive), la sua migliore amica, riccioli e sorriso brasiliani e, giustamente, istruttrice di samba. E’ molto interessata alla vita all’estero e ambisce di finire i suoi studi di farmacia in Canada, per migliorare il suo inglese ed in cerca di nuove opportunità fuori dal Sud America.

Ci troviamo poi alla Cattedrale di Brasilia con Cecco ed Ilaria. Breve visita in questa struttura tutta a vetrate, che se non avesse avuto una croce in cima non avrei mai pensato fosse una chiesa e successivamente al museo a forma di cupola di fianco. Ci accordiamo poi con le ragazze brasiliane di rivederci in serata.

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Il centro città è costruito intorno ai palazzi del governo; vi è un’immensa area tagliata solamente dall’edificio della stazione centrale che porta dalla torre della tv al Palazzo del Congresso. In uno dei musei troviamo i disegni del piano originale della città, che assomiglia alla forma di un aereo. La città è stata costruita tra gli anni ’50 e gli anni ’60 e presenta soluzioni architettoniche futuristiche per l’epoca. Sembra di essere all’interno del gioco Sim-City 2000, che spopolava a fine anni ’90. Mi ricordo che dopo aver ricevuto in prestito i 2 floppy disk per l’installazione da un amico e averci giocato parecchie ore di fila, mi ero sognato tutta la notte strade e casette in costruzione. Bei tempi.

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Percorriamo la lunga via ed arriviamo al Palazzo del Congresso, l’edificio più alto della città (perché gli altri palazzi non possono superarlo in elevazione), foto di rito in attesa che il vento apra al meglio la bandiera verde-giallo che sventola dal pennone alto 100 metri e visita ai due piccoli centro esposizioni nelle vicinanze. Niente di che in verità. Anche perché è scritto tutto in portoghese.

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Con un bus arriviamo al ponte JK e, prendendo esempio dai ragazzi locali, ci fermiamo sul prato a godere del forte sole ormai autunnale da queste parti. C’è chi pratica stand up paddle, chi si rilassa sui pedalò a forma di cigno ed in generale, tanti che si avventano su snack e spuntini. Non li biasimo, il cibo brasiliano al momento è uno dei migliori che abbiamo provato!

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Ci buttiamo in mezzo alla strada e “blocchiamo” un bus per andare alla torre della TV (da segnalare che qui i bus hanno i tornelli per far pagare il biglietto proprio a tutti senza scampo). Tanta coda, ma finalmente riusciamo a salire sull’ascensore ed arrivare ai 75 metri d’altezza della piattaforma panoramica. Stiamo un po’ in contemplazione del paesaggio, caratterizzato dalla “spianata” dei ministeri.

Il panorama vale sicuramente l’attesa fatta per l’ascensore; possiamo ammirare l’ordine maniacale con cui è strutturata la città e si vedono bene lo stadio dove si sono disputate alcune partite dei mondiali del 2014 e gli edifici ministeriali in lontananza. Purtroppo manca ancora un’oretta al tramonto e decidiamo di scendere senza aspettare che la città si illumini.

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Ci separiamo e io sto in giro a zonzo per la città, tra un messaggio vocale e l’altro su Whatsapp e in attesa che i palazzi vengano illuminati. Scatto qualche foto e poi mi ritrovo con le tre ragazze brasiliane con cui mangio qualcosa ai baracchini vicini alla Torre della TV dove si sta tenendo un concerto per l’anniversario della “nascita” di Brasilia. Corre anche il trentennale dell’inserimento della città tra i patrimoni Unesco.

Finito il concerto, con le ragazze ci spostiamo in un posto in riva al lago con diversi ristoranti eleganti e facciamo una lunga passeggiata, con Julia che cattura Pokemon a tutto spiano. La serata poi si conclude in un fast food di pasta, dove si ordina il tipo di pasta, le salse da metterci sopra e ben 8 ingredienti (proprio 8!!!!) da mettere nel piatto… le ragazze mangiano con gusto, mentre io le guardo un po’ stranito.

Ultimo giorno, sveglia presto, metro verso il centro, Cabify per l’aeroporto e si vola verso l’oceano, si vola a Salvador de Bahia!

Brasile: Brasilia

Brasile: Brasilia

Tappa precedente: Manaus/Foresta Amazzonica

Tappa successiva: Salvador de Bahia

Pagina relativa al Brasile: Clicca qui!

Il nostro itinerario sintetico

Giorno giro del mondo
Data Attività Voto Pernottamento
200 22/04/17 Manaus => Brasilia (aereo, Gol, partenza 15.55, arrivo 19.50) Brasilia
201 23/04/17 Centro città 6,5 Brasilia
Ponte JK 6,5
TV Tower 6,5
202 24/04/17 Brasilia => Salvador (aereo, Gol, partenza 10.25, arrivo 12.35) Mangue Seco

Galleria foto completa:

Autore: Ste

Trackbacks & Pings

Lascia un commento

Inline
Inline