Brasile – Rio de Janeiro: Il Cristo domina la metropoli… e le favelas

Giro del Mondo: 48° Tappa – Rio de Janeiro

Saliamo dalle spiagge di Copacabana ed Ipanema fino al Cristo Redentore, passando attraverso la favela più grande del Sud America.

Rio De Janeiro - Tappe

Rio De Janeiro – Tappe (clicca sulla mappa per aprire la pagina interattiva)

Il bus notturno arriva in anticipo ed alle 4 siamo al terminal, concludiamo la dormita sui divani dell’ostello risvegliandoci per colazione. Il nostro alloggio è all’inizio di una delle numerose favelas di Rio; siamo a 20 metri dalla strada principale (e a 100 dalla spiaggia di Copacabana), ma davanti al cancello ci sono motorette e van pronti a fare da taxi per gli abitanti della favela situata sopra di noi. Le strade non sono molto pulite e vi sono un po’ di vagabondi per le strade, ma in fondo è la stessa situazione che abbiamo trovato in altre città.

Il meteo è un po’ incerto, quindi optiamo per visitare già nel pomeriggio una delle favelas e lo facciamo tramite l’associazione di volontariato italiana “Il Sorriso dei miei Bimbi” (qui anche la pagina Facebook: https://www.facebook.com/IlSorrisodeimieiBimbi), capeggiata da Barbara Olivi, salita alle luci della ribalta in seguito allo scandalo evidenziato da Striscia la Notizia relativo alle donazioni fasulle di Edoardo Costa.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

L’associazione, tramite donazioni ed organizzando visite guidate, è riuscita a dare vita a numerosi progetti per migliorare la condizione dei brasiliani meno fortunati. Subito percorriamo un piccolo vicolo dove ci viene mostrata una scuola materna, con diverse stanze e relative maestre che provvedono all’educazione a 360 gradi dei bimbi; dall’ABC, ai colori ad attività di giardinaggio.

Con un van arriviamo in cima a Rocinha, la favela più grande del Sud America, che conta 70.000 abitanti secondo la prefettura e 250.000 secondo stime più veritiere. La distesa di case sotto di noi è impressionante, benché il panorama sia notevole, con il Cristo Redentore da una parte e il mare dall’altra.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Iniziamo poi la discesa, passando negli stretti vicoli e discendendo le tante scalinate che formano un vero e proprio labirinto dove sarebbe impossibile orientarsi senza avere una guida esperta. Le attività sono frementi: alimentari, parrucchieri, negozietti… tutto quello di cui si potrebbe avere bisogno, lo si può trovare senza problemi.

Ci viene spiegato che la polizia non è autorizzata ad entrare nella favela, ma può monitorare le strade principali. Vi sono diverse associazioni che controllano il narcotraffico delle diverse aree di Rio e fanno in modo che in ogni zona vegliata da loro, non succeda nulla. Concludiamo il giro prima con una visita alla scuola d’inglese gestita dall’associazione e poi con un breve spettacolo di Capoeira improvvisato per noi dai ragazzi della zona.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Al mattino splende il sole e decidiamo di salire subito al Cristo Redentore; non vogliamo correre il rischio di vederlo in mezzo alla nebbia come è successo a mio fratello una decina di giorni fa. Essendo in 3, il metodo più conveniente per salire è utilizzare nuovamente Uber, che in mezz’oretta ci porta alla biglietteria.

L’emozione è tanta, ho avuto la fortuna di vedere 5 Meraviglie del Mondo e questa sarà la mia 6°, quindi accelero il passo, salendo i gradini a due alla volta. Siamo ancora alla base delle scale, ma in alto già si scorge la sagoma della statua che fa capolino tra gli alberi.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

La vista è meravigliosa. La statua del Cristo Redentore domina la città e non avrebbero potuto scegliere un posto migliore del Corcovado per posizionarla. Si può vedere il panorama a 360 gradi e la statua si può scorgere praticamente da ovunque. Vi sono tantissimi turisti e dobbiamo attendere parecchio per riuscire a fare delle foto decenti, ma ne vale assolutamente la pena.

Quest’opera è stata ultimata nel 1931 ed il giorno dell’inaugurazione è stato inviato un segnale radio da Guglielmo Marconi, a Roma, per accendere il sistema di illuminazione e consacrarla a simbolo riconosciuto in tutto il mondo.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Sempre con Uber ci trasferiamo alla funivia per salire il Pan di Zucchero, insieme al Maracanà ed alla spiaggia di Copacabana, un altro dei simboli della città Carioca. La salita è placida e tranquilla e ci troviamo esattamente di fronte alla metropoli e possiamo ammirare allo stesso tempo il mare, la spiaggia, i tanti grattacieli e la foresta metropolitana più grande del mondo.

Anche qui la vista è mozzafiato; intanto che attendiamo pazienti il tramonto, trasmettiamo in diretta su Instagram per una decina di minuti, raccontando il nostro viaggio fino ad oggi. La città poi si illumina e, dopo le doverose foto notturne, torniamo alla base per prepararci ad una serata danzate alla discoteca Fosfobox.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Giornata dedicata al relax ed alla spiaggia. A scanso di problemi di sicurezza (che però non abbiamo mai percepito), decidiamo di lasciare tutto in ostello ed usciamo solo con costume, infradito, asciugamano e pochi spicci per il pranzo. Camminiamo per il lungomare di Copacabana e poi ci fermiamo in spiaggia ad Ipanema.

Entrambe le spiagge sono lunghissime e larghissime, l’acqua dell’oceano è abbastanza fredda e non andiamo molto oltre al pucciare i piedi. Molte sono anche le “Barraca” (i chioschi) che offrono cibo e bibite: è il regno della Caipirinha.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

La mattina successiva ci presentiamo con un quarto d’ora accademico di ritardo al ritrovo per un free walking tour attraverso il centro storico della città. Le attrazioni da vedere non sono in verità tantissime o particolarmente spettacolari, ma Eden, la tour leader, è in gamba e ci racconta con entusiasmo la storia brasiliana, fatta di invasioni da parte dei colonizzatori, di schiavismo e di guerre di indipendenza. Non mancano gli aneddoti divertenti come la fuga dal Portogallo della famiglia reale prima di scontrarsi con Napoleone ed il conseguente arrivo di 60.000 persone Rio de Janeiro, che ne hanno di fatto raddoppiato la popolazione in un unico giorno.

Il giro termina con la visita alla Scalinata Selaron, sicuramente l’opera più interessante di tutto il centro storico. I marmi, in parte raccolti dall’artista ed in parte donatigli da mecenati provenienti da tutte le parti del mondo, sono disposti armoniosamente su quella che una volta era una banale scalinata grigia. Il rosso, il colore della passione, è predominante ed affianca tutte le rampe di scale, caratterizzate invece, da una costante gialla, blu e verde, i colori della bandiera Brasiliana.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

La sera partecipiamo ad un Pub Crawl organizzato dalla stessa compagnia del Free Walking Tour del mattino. Il ritrovo è fissato nel quartiere di Lapa, che si anima decisamente verso la sera. Dappertutto vi sono locali e numerosi venditori ambulanti che offrono shottini. La bevanda principe è ovviamente la Capirinha. Con noi ci sono altri ragazzi in visita in Brasile, qualcuno in viaggio per il Sud America (come una coppia israeliana), altri per un breve periodo di vacanza.

Come sempre tra viaggiatori la serata è divertente e ci si scambia i vari aneddoti ed imprevisti accaduti che una volta risolti fanno sempre sorridere. Ci spostiamo in 3 o 4 locali e alterniamo drinks a passi di samba improvvisati. La regina della serata è una vecchietta che si scatena in pista coinvolgendo anche Cecco.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Ultimo giorno a Rio e decidiamo di tornare a fare due passi in spiaggia. C’è un bel sole e si sta decisamente bene, grazie anche ad una leggera brezza che ci accarezza i capelli. Rio sorge veramente in un luogo molto particolare, con tutti questi grattacieli che si fanno spazio tra il verde delle colline e le onde del mare. Un ambiente unico per una città unica.

Pranzo dalla cinese di fiducia fuori dall’ostello e nel pomeriggio ci spostiamo in aeroporto, dove si andrà a volare ancora più a sud: Porto Alegre.

Brasile: Rio de Janeiro

Brasile: Rio de Janeiro

Tappa precedente: Belo Horizonte/Ouro Preto

Tappa successiva: Porto Alegre

Pagina relativa al Brasile: Clicca qui

Il nostro itinerario sintetico

Giorno giro del mondo
Data Attività Voto Pernottamento
210 02/05/17 Ouro Preto => Rio de Janeiro (bus, partenza 20.30, arrivo 4.30) Rio de Janeiro
Visita Favela di Rocinha 8
211 03/05/17 Corcovado e Cristo Redentore 9 Rio de Janeiro
Pan di Zucchero 8,5
212 04/05/17 Copacabana/Ipanema 7,5 Rio de Janeiro
213 05/05/17 Rio de Janeiro City Center 6,5 Rio de Janeiro
214 06/05/17 Ipanema 7,5 Porto Alegre
Rio => Porto Alegre (aereo, GOL, partenza 16.55, arrivo 19.02)

Galleria foto completa:

Autore: Ste

Trackbacks & Pings

Lascia un commento

Inline
Inline