Cosa dire ad un colloquio di lavoro dopo 1 anno di viaggio

Sono ormai passati più di 200 giorni dalla partenza per il giro del mondo, ma la domanda è sempre la stessa: “Che farai al ritorno? Il lavoro?”

Di conseguenza, da buon pseudo-ingegnere gestionale (mi scuso in anticipo per la “tecnicità” che andrò ad usare), ho pensato attentamente a cosa dire ad un colloquio di lavoro dopo 1 anno di viaggio:

  • Pianificazione strategica: il viaggio è stato pensato con un itinerario di un anno, ma vissuto giorno per giorno. Ho deciso come spostarmi, cosa vedere, quali fossero le tempistiche necessarie per compiere tutti i 60.000 km che ho percorso, pianificando a distanza di un anno, di un mese, di una settimana e perfino dalla mattina per il pomeriggio.
  • Raccolta informazioni: per prendere decisioni, ho consultato tutte le fonti possibili immaginabili, internet, amici, conoscenti, agenzie di viaggio, persone conosciute per caso, passanti. Ho saputo procurarmi le informazioni necessarie per svolgere al meglio tutto quanto avevo in programma di fare.
Thailandia: in partenza da Phi Phi Island

Thailandia: in partenza da Phi Phi Island

  • Comunicazione: ho attraversato più di 20 Paesi, con più di 20 culture, popolazioni, lingue differenti tra di loro. Ho imparato a capire e farmi capire in tutti i momenti in cui ne ho avuto necessità.
  • Rispetto delle scadenze: per spostarmi ho dovuto prendere decine di aerei, di treni e di bus, che non stavano certo ad aspettare me. A parte rarissime eccezioni, mi sono fatto sempre trovare al posto giusto al momento giusto, senza mai arrivare in ritardo, soprattutto nei trasferimenti “importanti”.
  • Flessibilità: in terreni sconosciuti, senza avere costanti certezze, gli imprevisti sono all’ordine del giorno. In poco tempo, con poche risorse finanziarie, con l’incertezza delle conseguenze delle nostre decisioni, sono state prese decisioni più o meno importanti ogni minuto di ogni giornata con uno sviluppo esponenziale delle abilità di problem solving.
Banana Boat sul Delta del Mekong

Banana Boat sul Delta del Mekong

  • Budgeting: Prima della partenza è stato stimato un budget per l’intero viaggio, in base ad esperienze pregresse, al reperimento di informazioni in merito al costo della vita Paese per Paese, a quanto è stato trovato su internet. Il budget è stato poi monitorato continuamente e sono state prese diverse decisioni su trasferimenti, attività o sulla vita quotidiana per fare in modo di non sforare, contrattando con tutti su tutto e cercando e valutando tutte le alternative possibili per risparmiare.
  • Marketing: tramite i social media abbiamo un seguito di più di 10.000 follower che ci seguono quotidianamente nelle nostre avventure. Dobbiamo continuamente riuscire a catturarne l’attenzione proponendo idee innovative ed originali, cercando di non essere mai banali e di stupire per quanto possibile.

Ogni giorno è stata una nuova sfida, nella vita reale e non davanti al monitor dell’ufficio; a pochi metri dal mio interlocutore e non alla distanza di una mail; non ho mai avuto una comfort zone in cui adagiarmi e ora voglio mettere tutta l’esperienza di vita che ho accumulato nella passione per un nuovo lavoro.

Di seguito, 100 giorni di viaggio, dal 101 al 200!!!

7 Responses to “Cosa dire ad un colloquio di lavoro dopo 1 anno di viaggio

  • Ciao viaggiatori del mondo vi auguro un buon proseguimento sempre pieno di belle emozioni..complimenti per l’articolo siete bravissimi…un artivederci

  • Convincente.

  • Direi che… io ti assumerei immediatamente 😉 un post fonte d’ispirazione… sogno di poter fare anch’io questa incredibile esperienza di vita, inizierò presto a pianificarla in modo da renderla realtà! Si inizia da questo, giusto?
    Vi seguo !! 🔝

    • Stefano Tagliabue
      9 mesi ago

      Ciao Giulia!
      L’inizio inizio… è appunto sognarla! Poi un po’ alla volta si inizia a decidere il “quando” cercando di rispettarlo (non c’è mai un momento giusto), poi si pensa al “dove” (itinerario, banalmente stagioni per sfruttare a pieno le estati) ed infine al “come” (aereo, treno, auto, bici etc etc)!

      Una delle cose che più ci ha stupito in questi mesi di viaggio, è indubbiamente la quantità di viaggiatori che ci sono in giro per il mondo.. ognuno con il suo stile, ognuno con la sua storia!

  • Você é incrível
    Estamos de portas abertas para quando precisar
    Sucesso muito sucesso. ..

  • Em mangue seco conte conosco

Lascia un commento

Inline
Inline