Singapore: ritorno al futuro

Giro del Mondo: 26° Tappa – Singapore

Dopo alcuni mesi nell’Asia “vera”, si torna in un Paese moderno e all’avanguardia per l’ultima tappa Asiatica del nostro giro del mondo.

Singapore - Le Nostre Tappe

Singapore: Le nostre tappe

Poche ore di volo da Cebu (Filippine) ed eccoci in una delle città con maggiore peso sui mercati finanziari mondiali. L’aeroporto è modernissimo, con all’interno sale giochi, cinema, aree relax e alcuni angoli naturali come il piccolo parco dei girasoli. L’immigrazione è velocissima e recuperiamo subito dopo i bagagli.

Proviamo a chiedere per una SIM locale, ma il prezzo è esorbitante per i nostri 4 giorni di sosta, quindi ne possiamo fare a meno. Saliamo in metropolitana, che ci porta verso il centro e scendiamo vicino al quartiere di Little India dove alloggiamo. Piove, ma non riusciamo a prendere un taxi perché corrono tutti via veloci e percorriamo 1 km a piedi schivando le gocce d’acqua.

Piove anche il giorno successivo, quindi usciamo solo nel pomeriggio. Seguiamo le indicazioni che mi ha scritto un ragazzo di Couchsurfing e ci dirigiamo al Mustafa Center, un centro commerciale atipico, aperto 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno, dove si trova di tutto e i più. Ci hanno detto metà dei prodotti sono originali, l’altra metà delle ottime imitazioni. Vaghiamo tra gli scaffali senza comprare niente e poi attraversiamo le strade di Little India. Ci sono veramente tantissime persone di origine Hindi!

Prendiamo la metro e ci spostiamo in zona Marina Bay Sands, rimanendo stupefatti dalla grandezza dell’hotel. Sono circa 60 piani, ma le tre torri che sostengono la terrazza che le sovrasta sono veramente immense. Ci dirigiamo comunque ai Gardens on the Bay, per assistere allo spettacolo delle 20.30, dove gli “alberi” artificiali si colorano con le luci a tempo di musica.

Singapore: Gardens on the Bay

Singapore: Gardens on the Bay

Mettendoci ben più tempo del previsto, attraversiamo l’hotel (che contiene anche un canale artificiale con tanto di barchette come fosse Venezia) e ci sediamo all’area eventi, di fianco al negozio di Louis Vuitton che domina la baia. Inizia un nuovo spettacolo di luci e colori, questa volta con proiezioni sulle fontane che emergono dal mare. Ci sono centinaia di persone a guardare e grazie anche ai grattacieli di sfondo, il tutto è molto suggestivo.

E’ martedi e l’accesso allo skybar sopra al Marina Bay Sands è gratuito. Non ci facciamo scappare l’occasione e saliamo in cima con fare discreto per non dare nell’occhio che non consumeremo… una birra 18 dollari sono un po’ troppi per noi; benchè la vista sia effettivamente mozzafiato e a 360 gradi su tutta l’area.

Singapore: View from Marina Bay Sands

Singapore: View from Marina Bay Sands

Sempre seguendo la guida del ragazzo di Couchsurfing, il giorno successivo ci dirigiamo verso Park Haw Villa. Un luogo un po’ inquietante in verità. Si tratta di un parco creato da coloro che hanno inventato il balsamo di tigre, una crema contro i dolori muscolari, toccasana in Asia. Al suo interno vi sono statue e raffigurazioni di tutti i tipi, animali, uomini, uomini con la testa di animale e altro. Il fiore all’occhiello sono però i 10 gates of hell, con la rappresentazione dei 10 gironi infernali che esistono secondo la cultura cinese. Ad ogni girone sono associati dei peccati e relative torture. Lugubre.

Singapore: Haw Par Villa

Singapore: Haw Par Villa

Torniamo in metro e andiamo in centro, verso Marina Bay. Punto focale di ogni passaggio verso il centro di Singapore. Cerchiamo un posto economico dove mangiare e sentiamo forte nostalgia di Filippine e Sud Est Asiatico. Gli Hawkers Center (ottimi posti per mangiare low cost a Singapore) sono lontani e quindi ci limitiamo a prendere riso e pollo all’interno del food court del Marina Bay Sands.

Attraversiamo con più calma i Gardens on the Bay, non entrando però all’interno dei padiglioni dove sono ricreati gli ecosistemi naturali. Dalle recensioni sembrano essere molto belli, ma si è fatto un po’ tardi e non avevamo così tanto tempo prima della chiusura.

Singapore: Marina Bay Sands

Singapore: Marina Bay Sands

Serata a Clarke Quay, un quartiere di soli ristoranti e locali lotturni lungo uno dei fiumi che si immettono nella baia. Il quartiere è molto carino e vi sono migliaia di giovani che si riversano in strada poco fuori dai locali (a Singapore è vietato bere all’aperto, a meno che non si sia di fronte ad un locale). Facciamo due passi e poi rientriamo in albergo. La metro chiude a mezzanotte, quindi siamo sempre un po’ tirati con i tempi.

Dedichiamo mezza giornata abbondante allo Zoo; non è esattamente una delle nostre attrazioni preferite in genere, ma quello di Singapore e soprattutto quello notturno sono super consigliati dalle guide, quindi ci concediamo questa eccezione. Per arrivarci ci vuole molto più tempo di quanto pensassimo, perché dalla fermata della metro, vi sono anche 40 minuti in bus.

Singapore: Singapore Zoo

Singapore: Singapore Zoo

Comunque sia arriviamo e girovaghiamo tra i vari animali presenti; rimanendo affascinati principalmente dalla tigre bianca e dalle varie scimmie che girano liberamente penzolando tra gli alberi. C’è anche lo spazio da turisti doc dove attirano le scimmie con del cibo per farti fare una foto insieme e vendertela. No comment.

Terminiamo la visita della versione “giorno” e aspettiamo fuori (a stomaco vuoto…) la versione “notte”. Il biglietto che abbiamo preso il giorno stesso sul sito dello Zoo scontato del 10% ci consente l’accesso dalle 20.15. Si può effettuare il “Night Safari” a piedi o in tram; vista la fila in tram decidiamo di fare prima il giro a piedi, impiegandoci quasi un’ora. Gran parte del tempo l’abbiamo speso davanti alla tigre indiana, che è passata più volte guardinga davanti al vetro del suo recinto e si è fatta ammirare in tutta la sua maestosità.

Arriviamo poi all’ingresso e lì prendiamo il tram per non farci mancare nulla. Praticamente non c’è fila, quindi è stata una buona idea fare prima due passi. L’altoparlante spiega brevemente le origini degli animali e storie sul loro habitat. Effettivamente è stata un’esperienza abbastanza interessante, con animali leggermente differenti da quelli che si vedono negli zoo diurni e ci sono sembrati tutti un po’ più attivi del solito, essendo forse abituati a cacciare di notte piuttosto che di giorno. Ci era stato presentato come uno zoo in cui la sera gli animali venivano fatti girare liberamente senza gabbia e questo non è assolutamente vero, ma comunque può valere una pena la visita.

Singapore: Singapore Zoo

Singapore: Singapore Zoo

Trascorriamo l’ultimo giorno tra quartiere arabo e Marina Bay. Come primo stop ci fermiamo a Parkview Square, dove troviamo un grattacielo un po’ fuori dagli standard di Singapore, in quanto è stato costruito più in stile gotico. Poi ci spostiamo ad Haji Lane, il quartiere più “hipster” della città, con tanti localini e negozietti molto carini. Terminiamo la visita dell’area andando alla moschea araba, senza poterci entrare perché è in corso una celebrazione. Vi sono migliaia di fedeli. Breve tappa alla biblioteca nazionale per guardare il panorama dall’11esimo piano e poi ci spostiamo nuovamente a Marina Bay.

Singapore: Haji Lane

Singapore: Haji Lane

Migliaia di persone affollano il ponte da cui si può ammirare l’intero skyline della città, con il Marina Bay Sands da una parte e il grattacieli del centro finanziario dall’altra, uniti alla fontana a forma di leone, simbolo della città.

Fervono anche i preparativi per le festività legate al Chinese New Year, con parate che avranno luogo la sera su un tratto di strada che è percorso anche dal gran premio di formula 1. Purtroppo non riusciremo però ad assistere ai festeggiamenti, perché la sera lasciamo l’Asia, volando verso l’Australia.

Singapore: Marina Bay Sands

Singapore: Marina Bay Sands

Tappa precedente: Isola di Cebu

Tappa successiva: Gold Coast e Fraser Island

Pagina relativa a Singapore: Clicca qui

Il nostro itinerario sintetico

Giorno giro del mondo
Data Attività Voto Pernottamento
110 23/01/17 Cebu => Singapore (aereo, Air Asia Zest, partenza 16.55, arrivo 20.30) Singapore
111 24/01/17 Gardens by the Bay 7,5 Singapore
Marina Bay Sands Show 7,5
Marina Bay Sands Rooftop 7,5
112 25/01/17 Haw Par Villa 6,5 Singapore
Gardens by the Bay 7,5
Clarke Quay
113 26/01/17 Singapore Zoo by Day 6,5 Singapore
Singapore Zoo by Night 7
114 27/01/17 Parkview Square 6,5 Singapore
Haji Lane 7
Arab Street 6,5
City Hall area 7,5
Singapore => Gold Coast (Australia; aereo, Scoot Airlines. Partenza 22.25; arrivo 08.10)

Galleria foto completa:

Autore: Ste

Trackbacks & Pings

Lascia un commento

Inline
Inline